Archive for aprile, 2010

aprile 5, 2010

Un’altro poemaccio sul senso

La neve posata sulla fronte della sera,
ferisce il sonno.
L’anno che mi disarciona
non aspetta.
Non fugge il senso:
si raccoglie, chini.
Prego che tu sia forte, prego che tu sia
non a parole.
La lingua cinge nuovi recinti,
scandisce il senso ai cancelli.